Bitcoin contro USD: solo un dollaro debole spingerà BTC oltre i 20.000 USD

Gli investitori devono essere consapevoli della stretta correlazione tra la forza del dollaro statunitense e la Bitcoin.

Un dibattito diffuso tra gli investitori è la correlazione del Bitcoin (BTC) con altri mercati. Vi è stato un elevato grado di correlazione tra i mercati azionari e Bitcoin, in particolare negli ultimi mesi. In altri periodi, l’oro e il Bitcoin sembrano muoversi in tandem.

Tuttavia, la correlazione che deve essere monitorata maggiormente è quella del dollaro, in quanto l’economia mondiale si basa sulla forza o sulla debolezza della nostra valuta di riserva globale, il dollaro USA.
Il debole USD ha fatto salire i prezzi Bitcoin nel 2° trimestre 2020

BTC/USD vs. Oro vs. DXY grafico a 1 giorno.

Il 93% delle 250 valute più importanti è diminuito nel mese di settembre

Il grafico qui sopra mostra i valori di Oro, Bitcoin e Dollaro dal declino di marzo. La linea arancione è oro, la linea blu è l’indice valutario del dollaro USA (DXY) e il prezzo regolare Bitcoin è indicato con la linea nera.

L’improvviso impatto della pandemia globale ha aumentato la domanda di dollari USA, con un forte aumento a marzo, come si è visto dal grande picco blu. Questo picco ha causato il crollo degli altri mercati, mentre il prezzo del Bitcoin è sceso del 50% a soli 3.700 dollari.

Tuttavia, da questo massiccio calo, il DXY si sta indebolendo di giorno in giorno. Questa improvvisa debolezza del dollaro ha fatto sì che negli ultimi sei mesi le altre attività „rifugio sicuro“ siano aumentate in modo significativo. Il bitcoin è aumentato del 185% dal crollo di marzo, mentre l’oro ha recuperato il 31%.

Ma anche se la tendenza generale al ribasso rimane intatta, il dollaro statunitense ha registrato un rimbalzo in sollievo all’inizio di settembre, quando è stato costruito un fondo. È stata creata una divergenza verso l’alto per segnare l’inizio del modello di fondo temporaneo, dopo di che il livello 92,75 è stato riconquistato come supporto per un ulteriore movimento verso l’alto.

Indice di valuta statunitense a 1 giorno.

Il grafico della „barra di difficoltà“ di Bitcoin non è più rialzista come ora da marzo

Questo rimbalzo ha raggiunto i 94,60 punti e ha causato una sostanziale diminuzione delle altre attività. Pertanto, è da prevedere un’ulteriore debolezza nei mercati delle materie prime e dei criptomoni se il DXY continua verso i 96 punti.
USD nel 2016 e nel 2017 ha dato impulso al ciclo Bitcoin

BTC/USD vs DXY grafico a 1 settimana.

I massimi del ciclo precedente sono stati raggiunti nel 2014 e nel 2017 per il Bitcoin, attraverso i quali si possono ricavare dati credibili dalla correlazione tra il dollaro USA e il Bitcoin.

Nel corso del 2017 il dollaro USA ha mostrato una significativa debolezza in tutte le aree, in quanto anche l’EUR/USD ha recuperato da 1,03 a 1,25. Durante questa incertezza e instabilità del dollaro americano, la Bitcoin ha avuto il suo massimo rally da 1.000 a 20.000 dollari.

Più interessante è il fatto che il picco di Bitcoin è circondato dal basso ciclo dell’indice DXY.

Da allora, l’indice DXY ha mostrato una certa forza. Grazie a questa forza, il mercato degli orsi Bitcoin è stato riportato ai mesi precedenti.

Una sostanziale debolezza dell’indice DXY sta facendo sì che il prezzo del Bitcoin e dell’Oro continui a salire. La storia si ripeterà?
La debolezza del dollaro dopo la bolla Dot.com ha causato un aumento del 600% dell’oro

Indice DXY contro il grafico a 1 settimana dell’oro.

Il crescente volume di scambi decentralizzati suggerisce che la DeFi-mania non è finita

Ciò che si può dedurre dal grafico sopra riportato è la forza dell’oro da quando la bolla dot-com è scoppiata nel 2000. Durante le prime fasi di un potenziale crollo è la fase di regolamento quando tutti i mercati crollano, poiché anche l’oro ha corretto il 30% nel 2000. Si tratta della ricerca di liquidità per coprire le perdite sui mercati azionari in modo analogo a quanto avvenuto nel marzo 2020.

Tuttavia, dal momento che il dollaro ha mostrato debolezza nel 2000, l’oro ha mostrato un’enorme forza come porto sicuro, che avrebbe aumentato il suo portafoglio del 600%.

Nello stesso periodo, la coppia EUR/USD è passata da 0,85 a 1,60 nel 2008. Lo slancio si è poi spostato quando gli investitori sono volati in USD come copertura durante la crisi del credito.

Ma nell’attuale periodo di incertezza con tassi d’interesse negativi, livelli di debito in aumento e deflazione, anche la Bitcoin sta andando relativamente bene.

Naturalmente, ci potrebbe essere un potenziale calo del 25-35% nella prima fase della crisi, come nel mese di marzo. Ma Bitcoin e oro ne beneficerebbero in seguito in modo significativo c